Perchè ci auto-sabotiamo -

Perchè ci auto-sabotiamo

Tempo di lettura dell'articolo: 3 minuti e 20 secondi 🙂

Perchè ci auto-sabotiamo

Tutti, ma proprio tutti, amiamo fallire qualche volta.

Un’affermazione forte mi rendo conto, però c’è la psicologia che ce aiuta a capire questa caratteristica delle persone.

E’ sotto gli occhi di ogni persona che siamo continuamente in preda alle nostre fantasie, immersi continuamente in un mare di pensieri, in parole povere sogniamo continuamente ad occhi aperti.

Ci gratifica piĂą della vita reale, assurdo? mica tanto semplicemente piĂą comodo.

Quante volte ci perdiamo in pensieri di ricchezza dove non c’ è bisogno di lavorare in cui siamo i protagonisti vincitori delle nostre storie virtuali, le infinite discussioni in cui abbiamo sempre ragione e ne usciamo vittoriosi, tutto nella nostra testa, perchè gli attori di queste soap opera mentali e cosa devono dire, lo decidiamo noi.

E così il timido diventa il Brad Pitt affascinante e tenebroso e la ragazza con poche carte da giocare diventa la sexy e affascinante seduttrice desiderio di ogni uomo.

Tutto questo ci aiuta a sopportare a volte vite monotone e vissute in bianco e nero, sono un rifugio una droga creata dalla mente per non soccombere al peso della realtĂ .

Prima o poi la vita bussa alla nostra porta e interrompe bruscamente il sogno, ma passata la burrasca ci ributtiamo quasi senza accorgerci, nel mondo virtuale delle nostre fantasie, è comodo e ci fa sentire protetti come una calda coperta e un comodo divano in una fredda e piovosa giornata d’ inverno.

L’ autoinganno è micidiale, se solo ci rendessimo conto che anche il più piccolo dei successi e infinitamente più piacevole di tutte le fantasie messe insieme.

Tuttavia le gratificazioni delle nostre fantasie sono di per se reali ma ne esistono anche di altre, ad esempio quando facciamo qualche sforzo e sacrifico senza tuttavia raggiungere l’ obbiettivo che ci eravamo promessi, allora la vocina dentro ci dice di stare tranquilli, che abbiamo fatto tutto il possibile quindo ora ci meritiamo un sacrosanto riposo del guerriero.

Se vediamo qualcun altro fare la stessa fatica per i suoi obbiettivi un po ci divertiamo e se rosi dall’ invidia, speriamo fallisca per poterlo accoglie nell’ esercito di coloro che non ce l hanno fatta.

Ma la mente è raffinata quando vuole, pensa a quello strano pensiero che ti dice che ancora un pochino e ce l’ avresti fatta, saresti potuto diventare più ricco avere successo o realizzare il tuo capolavoro… potevi farlo certo ma è mancato tanto così… ma un pò è come se ci fossi riuscito, le fantasie si susseguono con la nostra versione dei fatti. Così ci ritroviamo con la sensazione di vittoria senza le delusioni e le rotture di scatole di chi ci prova veramente.

Evitare delusioni e fatica non provandoci è una ragione importante nel preferire il fallimento al successo. Pensa che se vedi qualcuno che ottiene un successo in qualcosa che interessa anche te, il primo pensiero di tutti è che potevi riuscirci anche tu, anzi, addirittura fare meglio.

Altra ragione sottovalutata ma ampiamente diffusa è la paura di superare qualcuno che amiamo. Molte persone non vogliono superare in successo il genitore, madre o padre che sia e questo genera una serie di meccanismi a catena di autosabotaggio che rimangono nascosti ai nostri occhi per vite intere.

La paura di cadere è un’ altro motivo, mi spego meglio: se si sale su una scala alta e si cade, probabilmente ci faremmo più male rispetto ad una caduta da una scala più bassa, giusto?

Bene, immagina di fare un sacco di sforzi per raggiungere il successo e questi sforzi sono per forza di cose visti da tutti, se poi per qualche ragione non raggiungiamo il successo la sensazione di fallimento sia personale che sociale è più grande rispetto ad uno sforzo minimo e al fatto che pochi o nessuno sapevano del mio obbiettivo, anche questa può diventare una scusa per non impegnarsi.

Diamo piĂą importanza al giudizio degli altri che alla nostra vera realizzazione.

Ma chi ha successo non si preoccupa degli altri e delle loro malelingue, spesso va controcorrente ed è l unico a scommettere su se stesso, per la persona realizzata il sapore del successo è molto più dolce del sapore del fallimento.

Mettersi concretamente alla prova e non solo fantasticando dona energia e miracoli che mai ci saremmo sognati. Occorre “solo” agire e non limitarsi a sognare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.